Press "Enter" to skip to content

TRACCIA DI IERI: 22 novembre

Il Presidente  John Kennedy viene raggiunto da dei colpi di arma da fuoco, durante il corteo presidenziale che si sta svolgendo a Dallas; per questo assassinio sarà inizialmente accusato l’operaio Lee Harvey Oswald, fermato più tardi in un cinema, perché sospettato di aver ucciso un poliziotto nelle ore successive all’attentato. Dagli archivi del FBI spunta un fascicolo su di lui: ex marine, trasferitosi in Unione Sovietica e da lì ritornato negli USA, sposato a una donna russa.

L’operaio si dichiarerà un “capro espiatorio”, ma non riuscirà a dimostrare la sua tesi perché sarà assassinato da Jack Ruby un gestore di night club vicino ad ambienti mafiosi. Una larga parte dell’opinione pubblica, non crederà mai a questa tesi ma piuttosto ad un reale complotto, di fatto dopo la morte di Kennedy, la cui rielezione era data per certa, si chiuderà un’epoca di nuovi e importanti cambiamenti sul piano della politica estera e di quella interna

Be First to Comment

    Commenta l'articolo: