Press "Enter" to skip to content

Superbonus 110%…questo oggetto misterioso


Da molto tempo gran parte degli italiani hanno, o meglio vorrebbero avere, a che fare con il cosiddetto “superbonus 110%”, ma le procedure sono ancora oggi piene di interrogativi ed in continua evoluzione.
Proviamo a fare una sintesi cercando di essere utili a chi vuole eseguire questi interventi e soprattutto vedendola dalla parte degli usufruitori.
Innanzitutto cosa è il superbonus? Sono delle procedure inserite nel DL 34/2020, il cosiddetto Decreto Rilancio, che consentono di fare interventi sia dal punto di vista strutturale sia da quello energetico sugli edifici; ma la cosa più importante è che questi interventi sono a costo zero per i proprietari degli immobili. In realtà questo non è proprio scontato, infatti i costi li copre lo Stato solo se raggiungendo nel progetto alcuni requisiti, si rimane al di sotto di alcuni massimali di spesa che comprendono tutto, lavori progettazione ed oneri vari.
Ma il problema principale è che gli edifici debbono avere la tanto temuta “conformità urbanistica”, ovvero non debbono essere stati fatti lavori non autorizzati. Mentre però nel caso di residenze singole per qualche abusetto ne risponde il proprietario, nel caso dei condomini l’abuso di uno può compromettere il superbonus dell’intero edificio (esperienza diretta di chi scrive!!!!). E allora le assemblee di condominio diventano ancora più calde.
Oltre alla conformista urbanistica, ci sono altri dettagli senza i quali non si può accedere; il parere, personale ma non troppo, è che siano talmente tanti i dubbi e le incertezze interpretative che molti desisteranno dal farlo per non trovarsi dopo nella condizione, in fase di controlli, di dover sborsare di tasca propria tutti i costi degli interventi.
Al momento il superbonus è stato prorogato al 2023, quindi avremo modo di riparlarne.

Billy Castle

Be First to Comment

    Commenta l'articolo: