Press "Enter" to skip to content

NextDoorPost.it

L’Italia che vince

Ha nome e cognome il blitz che ha portato all’arresto di 334 persone in una maxi retata che ha inflitto un duro colpo alla ‘Ndrangheta calabrese: è quello del procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, che l’ha definita “la più grande operazione dopo il maxi processo di Palermo”.

A finire in manette oltre agli affiliati della famiglia Mancuso di Vibo, anche personaggi politici , imprenditori, funzionari comunali e del tribunale, commercianti.

L’operazione , chiamata “Rinascita-Scott”, è scattata con 24 ore di anticipo rispetto al previsto perché i boss , attraverso la loro rete di contatti, erano a conoscenza del blitz; così circa 3.000 uomini delle forze dell’ordine coordinati in tutta Italia hanno portato a compimento questa importantissima operazione.

“La Procura di Catanzaro e i carabinieri hanno fatto la loro parte. Adesso sta alla società civile e anche alla stampa, agli storici, agli educatori spiegare alla gente cosa è la ‘ndrangheta ma soprattutto spiegare che devono avere più coraggio, che devono occupare gli spazi che noi questa notte abbiamo liberato. Questo da oggi è il cambiamento, se veramente vogliamo cambiare qualcosa, altrimenti continuiamo a piangerci addosso”. Queste le parole del procuratore; sicuramente da prendere come invito per tutti

NextDoorPost.it - Capena & Hinterland