Press "Enter" to skip to content

DPCM, ecco i tratti principali.

È stato firmato oggi il nuovo DPCM che stabilisce le norme da seguire per evitare il propagarsi della diffusione di covid 19 sul territorio nazionale.
Vediamo cosa stabilisce il documento.

Direttive generali

obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto a eccezione dei casi in cui sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento.
L’obbligo non si pone
    a) per i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva;
    b) per i bambini di età inferiore ai sei anni;
    c) per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.
È fortemente raccomandato l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi.

Permane l’ obbligo di mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro dalle altre persone.

Sport

per le competizioni riguardanti gli sport individuali e di squadra è consentita la presenza di pubblico, con una percentuale massima di riempimento del 15% rispetto alla capienza totale e comunque non oltre il numero massimo di 1000 spettatori per manifestazioni sportive all’aperto e di 200 spettatori per manifestazioni sportive in luoghi chiusi, esclusivamente negli impianti sportivi nei quali sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva del posto

Restano aperte piscine, circoli sportivi e palestre, fermo restando il divieto di assembramento in tali strutture.

Sono vietate gare, competizioni ogni genere di attività connessa allo sport da contatto praticato a livello amatoriale (niente partita di calcetto tra amici, per intenderci),mentre sono consentite gare di livello nazionale e internazionale previo test molecolare per sportivi e addetti ai lavori.

Arte e spettacolo.

Come per le competizioni sportive, la quota di pubblico è fissata al 15% (per un massimo di 1000 persone) per gli spettacoli all’aperto. 200 invece per le manifestazioni al chiuso. Restano chiuse discoteche e locali similari.
Via libera invece a fiere e congressi, limitatamente al rispetto del divieto di assembramento, tenute conti le caratteristiche specifiche delle strutture utilizzate.

Tempo libero

I festeggiamenti post cerimonie possono ospitare al massimo 30 persone, mentre è fortemente consigliato non creare assembramenti con persone non conviventi all’interno delle abitazioni private. Il numero massimo consigliato in questi casi è di 6 persone. Posto che nessuno verrà mai a controllare all’interno delle abitazioni, è facilmente intuibile come possa essere pericoloso in termini di contagio incontrarsi in luoghi chiusi come le abitazioni private.

Commercio

Ristoranti, pub e bar possono stare aperti fino alle ore 24 ma dalle ore 21 è consentita solo la consumazione al tavolo. Resta attivo il servizio di asporto, così come continueranno a stare aperte mense e servizi di catering continuativi.
Per quanto riguarda il commercio al dettaglio restano valide le direttive fin’ora seguite, relative agli ingressi contingentati e al divieto di permanere nell’esercizio commerciale più a lungo del necessario.

Scuola


Scongiurata la didattica a distanza per le scuole superiori, le novità e in ambito scolastico sono legate soprattutto alle attività da svolgersi al di fuori degli istituti: sono sospesi i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche.

Con questo decreto si cercherà quindi di dare una stretta intorno ai comportamenti che nel corso dell’estate hanno fatto sì che ad oggi, i contagi su livello nazionale tornassero a salire con picchi preoccupanti. È anche vero che oltre al rispetto delle norme si richiede molto buon senso. In ambito locale il sindaco di Fiano Romano Ottorino Ferilli ha sottolineato come la maggior parte dei contagi nel comune sia dovuta ad assembramenti assolutamente evitabili, come feste e cerimonie.
Proprio qui si giocherà la partita, visto che in ambito familiare e siciale è pressoché impossibile garantire un controllo tale di quegli atteggiamenti che dovrebbero, quantomeno, essere guidati dal buonsenso.

Be First to Comment

    Commenta l'articolo: