Press "Enter" to skip to content

DPCM e sport, qual è la situazione attuale?

Rieccoci ad appena una settimana di distanza dall’ultimo aggiornamento, a parlare ancora di sport in relazione al DPCM emanato dal governo.
Stavolta il compito è, purtroppo, molto più semplice ; il decreto del 24 ottobre infatti ha sospeso anche le attività dilettantistiche che il precedente aveva salvato, consentendo “…soltanto gli eventi e le competizioni sportive, riconosciuti di interesse nazionale, nei settori professionistici e dilettantistici, dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali…”.
Tali attività sono consentite esclusivamente a porte chiuse, quindi il pubblico torna ad essere il grande assente non solo degli eventi sportivi, ma anche degli allenamenti, consentiti solo in forma individuale e senza spettatori.

Il nuovo dpcm ha sospeso anche “…le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per quelli con presidio sanitario obbligatorio o che effettuino l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi;…”
L’attività motoria potrà svolgersi solamente all’aperto, anche all’interno di centri sportivi, nel rispetto delle norme di distanziamento.

Una chiusura che interesserà molti impianti sportivi, ad esempio nel territorio di Capena non si potranno esercitare le consuete attività allo Stadio Leprignano o ai centri sportivi sulla via Tiberina, fatta eccezione per il padel.

Arrivederci al prossimo DPCM!!!

Be First to Comment

    Commenta l'articolo: