Press "Enter" to skip to content

Covid, variante indiana: nel Lazio si punta a bloccare i voli.


Le squadre Uscar sono già sul campo per effettuare i tamponi presso lo scalo romano di Fiumicino dove, per la giornata di oggi, sono in arrivo due voli provenienti dall’India.

Sono previsti altri voli nei prossimi giorni, ma il controllo immediato tramite tampone non basta. Ad affermarlo è l’assessore alla sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, che aggiunge “E’ necessario che vengano fatte delle quarantene controllate, possibilmente in aree quali le caserme. Il Servizio sanitario regionale non può farsi carico di gestire migliaia di arrivi. Daremo, come sempre, tutta la nostra collaborazione alla Protezione civile nazionale e alle autorità di pubblica sicurezza, ma il tema va risolto a monte sospendendo, in questa fase, gli arrivi dall’India.”

A tal proposito, in provincia di Latina si sta rendendo necessario un massiccio controllo a causa dell’arrivo, nelle scorse settimane, di circa 300 braccianti sikh provenienti dall’India. È una corsa contro il tempo, quella per rintracciare questi lavoratori: il rischio che qualcuno di loro possa essere positivo alla variante c’è e spaventa.

Nel frattempo la regione Lazio è passata in fascia gialla, ma l’invito è quello di non abbassare la guardia e di mantenere alti i protocolli di prevenzione, mentre la campagna vaccinale prosegue compatibilmente con le dosi di vaccino disponibili.

Be First to Comment

    Commenta l'articolo: