Press "Enter" to skip to content

Covid Lazio, paura variante indiana: frazione di Sabaudia zona rossa.

Dal 30 aprile scorso Bella Farina, frazione di Sabaudia, è zona rossa.

Da giorni i cittadini della regione Lazio seguono con attenzione le evoluzioni inerenti la comunità indiana numerosa nella zona (circa 30.000 persone tra regolari e irregolari). L’aumento serio dei casi di positività al Covid ha portato il presidente Zingaretti a firmare l’ordinanza per decretare dunque la zona rossa.

Chiuse scuole, spiagge, luoghi di cultura, sospese le attività sportive.

Nell’agro pontino è alto il numero di abitanti di origine indiana, uomini e donne spesso impiegati come braccianti nelle aziende agricole. La comunità Sikh conta infatti migliaia di persone su un territorio che comprende Latina, Fondi, Sabaudia, Terracina e San Felice Circeo. Alcuni di loro sono recentemente tornati dall’India e, ai test effettuati al rientro, non pochi sono risultati positivi al tampone.

È facile comprendere quindi il livello di allerta; durante un incontro presso la prefettura di Latina, i dirigenti Asl hanno denunciato il fatto che i capi delle comunità Sikh non avrebbero consegnato tutti i nominativi delle persone presenti sul territorio: “Oggi abbiamo delle mine vaganti“.

È dello scorso 28 aprile l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza per vietare l’ingresso, da qualsiasi punto di confine, a chi negli ultimi 14 giorni avesse soggiornato o transitato in India, fatta eccezione per i cittadini italiani; come conseguenza risulta un volo annullato lo scorso 30 aprile.

Be First to Comment

    Commenta l'articolo: