Press "Enter" to skip to content

CORONAVIRUS, LA MUTAZIONE “INGLESE” ED I DELIRI DEL WEB.

La disinformazione, un muro che va buttato giù a spallate. Magari col sorriso sulle labbra.

Il mondo del web è fantastico. Pieno zeppo di siti, riviste e giornali on line, blog e social.Roba da far girare la testa ed anche, quando ci si imbatte in post/link/articoli tracimanti fake news, qualcosa che si trova appena più a sud dell’ombelico.
È di queste ore la notizia che, nella perfida Albione, il nostro amato Sars Cov2 pare abbia subìto una trasformazione.
Appena diventata di dominio pubblico, questa news ha innescato un moto di sgomento popolare che, a confronto, il ricongiungimento di Albano e Romina è passato inosservato.Ebbene sì, il variegato mondo della rete ha iniziato il suo straziante balletto del terrore, tra narrazioni horror, letteratura apocalittica e pistolotti semicolti che Marzullo spostati e pure velocemente.
Al grido di “moriremo tutti” oppure ritmando, a mo’ di gruppo ultras durante un derby, cori del tipo “non cielo dicono!1!!1!”, negazionisti e catastrofisti hanno ripreso la pugna.
Non vedevano l’ora di ricominciare ad insultarsi, così, tanto per dimostrare una volta ancora alla compagine avversaria chi è che ce l’ha davvero più duro.
Una mano santa ‘sta mutazione pe’ questi, dai!
Anche perché, con la storia del vaccino, stavano cominciando ad essere a corto di argomenti.
E ‘ na mano santa pure per noi!
Si rischiava, altrimenti, di sentirli di nuovo accapigliarsi per le scie kimike, la terra piatta e la bontà intrinseca del modello liberal-democratico e del suffragio universale (ma a singhiozzo e solo quando non mischia e livella la casta intellettuale col “profanum vulgus”).
Eppure, nonostante tutto, sommessamente e quasi provando una sorta di comprensibilissimo imbarazzo, qualcuno su questa storia della mutazione ha provato a fare un minimo di informazione seria e circostanziata.
-“Roba da matti” direte voi, “te pare giusto fa’ ‘na cosa der genere in modo rigoroso? Ma che hanno deciso de prennece pe’ persone intelligenti?”-
Domande legittime.
Sta di fatto, comunque, che è così. E, leggendo queste rare e vacue info, si può venire a conoscenza dì cosucce interessanti.Ad esempio che si, il virus è mutato.Ma che questo è un fatto assolutamente normale. È normale, fisiologico che ai virus piaccia cambiare, in continuazione, tipo le scale di Hogwarts (nun me dite che nun avete mai visto Herry Potter che rischiate ‘na denuncia).Si può scoprire che, al momento, dai primi studi fatti su questo “nuovo” modello di coronavirus al gusto di zenzero e cannella, non la pericolosità intrinseca o la resistenza al vaccino, che comunque va verificata, ma “solo” l’indice Rt (quello che ce dice quanto è contagioso ‘n virus qualsiasi) è mutato, risultando più alto del nostro amato virus “storico”. Che, quindi, bisogna ancora prestare la stessa attenzione di sempre, seguire i protocolli e, magari, andarsi a vaccinare il prima possibile, evitando di correre dietro alle puttanate irrazionali di chi si chiede, parlando del nuovo vaccino, roba tipo “chissà cosa ci sia dentro” e poi va a mangiare i ravioli di carne al vapore (oppure alla piastra) in un qualsiasi ristorante cinese con la formula “all you can it”.
Famo i bravi su.
Cerchiamo di informarci attraverso canali ufficiali, ascoltando professionisti competenti in materia e lasciamo perdere le opinioni che si trovano sul gruppo Facebook “mamme informate”.Anche perché lì sopra gira ‘na ricetta della carbonara che prevede l’uso della panna. Capito a che livelli de affidabilità stamo?Nun credo ce sia da aggiunge altro.


-CASTIGAT RIDENDO MORES- (Che tradotto dal latino sta a significa’, più o meno, “va in castigo chi deride le ragazze coi capelli scuri”).


Stiamo sereni.
Nessuna paura.
E vacciniamoci.

Claudio Quaglia

Be First to Comment

    Commenta l'articolo: