Press "Enter" to skip to content

Commercio a Capena, un primo passo verso la normalità.

Finalmente riaprono alcuni negozi a Capena, in base alle disposizioni contenute nel dpcm del 10 aprile scorso.

Mentre restano attive le restrizioni in materia di spostamenti e soprattutto si fa sempre più forte l’invito a restare a casa il più possibile, è confortante sapere che il paese torna ad offrire servizi che nell’ultimo mese e mezzo si erano dovuti interrompere a causa del rischio contagio.

Oggi ci occupiamo dell’associazione Capenapuntonet, circuito che comprende un ampio numero di commercianti del centro urbano e che ci fa sapere che alcune attività stanno riprendendo il via, mentre altre non si erano mai fermate.

Oltre agli alimentari Centrale Market e Benigni e all’ “Antica Macelleria“, che hanno sempre garantito con il loro lavoro la sussistenza dei cittadini, a Capena sono attualmente aperti anche altri negozi del circuito ed è senz’altro utile saperlo, come ad esempio i due punti vendita di ottica, Silvestri e Ottica Orologeria Due O.

Big Ali” e “La Taverna dei viaggiatori” continuano con le consegne di pasti a domicilio e a loro si aggiunge la pizzeria a taglio “Da Paola“, che consegnerà presso le abitazioni ogni venerdì, sabato e domenica.

Qualora dovesse servire sappiamo che è attiva anche L’Agraria Bernardoni.

Da martedì 14 aprile hanno riaperto anche Roby’s shoes, negozio di scarpe sito in via Morlupo e il negozio di abbigliamento per bambini My Baby, di Michela Montilli.

Il 20 aprile invece, in pieno rispetto delle direttive regionali, riaprirà anche la cartoleria Cartovillage, di Roberta Nanni, rispettando i seguenti orari: 9.00-12.00 – 16-18.

Sappiamo quanto in questi giorni sia necessario avere in casa quaderni, penne , matite, ma anche colori, tempere… Non è semplice tenere occupati i bambini, che più di noi risentono della chiusura forzata in casa. Sapere che Cartovillage sta per riaprire i battenti è rincuorante, permetterà di trovare nuovi materiali e nuovi spunti di creatività per tutti.

In ogni singolo negozio andranno rispettate le misure di sicurezza previste dalle indicazioni vigenti. Ad esempio? Diventa obbligatorio l’uso di guanti monouso e di gel disinfettante all’ingresso; i titolari inoltre sono obbligati a sanificare due volte al giorno i punti vendita.

Considerato quanto questa pandemia abbia toccato i piccoli negozi del nostro paese -soprattutto dal punto di vista economico- ci auguriamo che il sostegno dei cittadini si faccia sentire forte. Il commercio urbano già soffriva da tempo una profonda crisi, ma siamo sicuri che nel pieno rispetto delle regole di distanziamento sociale, saremo in molti a fare sentire loro il nostro sostegno.

Ricordiamo di concentrare gli acquisti in poche sporadiche uscite, anche così aiuteremo i negozianti di Capena, tenendoli al sicuro dal rischio di contagio.

E quando potremo finalmente rivederci senza mascherina, sarà bello sorridersi di nuovo con calma.

Be First to Comment

    Commenta l'articolo: