Press "Enter" to skip to content

Capena: un contributo che cambierà il centro del paese

Sono circa 11 milioni di euro i contributi straordinari che la Regione Lazio, su proposta dell’Assessore ai Lavori Pubblici, Tutela del territorio e Mobilità Mauro Alessandri, concederà a 41 comuni che ne hanno fatto richiesta; questi lavori garantiranno la messa in sicurezza di strade, il rifacimento di aree verdi, completamento di edifici pubblici e scolastici.

Ancora una volta andiamo incontro alle esigenze dei Comuni del Lazio per aiutarli a risolvere problematiche di urgenza sociale e locale – dichiara Alessandri-  la Regione Lazio intende fare la sua parte, garantendo il supporto, come in questa occasione, a tutti quei Comuni che, attraverso l’impiego di queste risorse, potranno effettuare interventi in grado di rispondere concretamente ai bisogni dei cittadini”.

Capena è tra i 41 comuni che hanno richiesto ed ottenuto questo contributo, la proposta condivisa dalla giunta e dalla maggioranza è stata portata avanti dall’Assessore ai Lavori Pubblici Barbara Scarafoni e dall’ufficio tecnico di Capena; il progetto presentato interessa Piazza 2 Agosto, Viale Antonio Gramsci e parte degli attuali giardini pubblici, uno spazio che verrà interamente accorpato e che trasformerà il volto del paese, un primo passo per trasformare Capena in un comune green virtuoso. Probabilmente la pandemia ha accelerato questo processo di cambiamento un po’ in tutti i comuni, una direzione necessaria quella di restituire le piazze, le vie e gli spazi pubblici ai cittadini.

In ogni campagna elettorale, negli ultimi 20 anni si è parlato dei giardini al centro del paese, costruiti negli anni cinquanta e diventati ormai da troppo tempo inadeguati ad una comunità passata da 3 mila ad 11 mila abitanti” aggiunge l’assessore Scarafoni, “l’idea è quella di ampliare tutto il il verde urbano al centro del paese, con lo scopo di migliorare una città e la vita dei suoi cittadini. Un intervento di riqualificazione reale, che sarà un’iniezione di fiducia per tutti i cittadini; modificare il “cuore” del paese permetterà di rilanciare un’intera comunità, ne beneficeranno senz’altro i cittadini ma anche tutti i commercianti che hanno deciso di lavorare su questo territorio“.

Be First to Comment

    Commenta l'articolo: